Passa ai contenuti principali

La mia vita- poesia intimista

Io sono qui
sul ciglio del tempo
i miei giorni vagano senza meta
ed il mio spirito
il mio spirito incorruttibile
ha seguito le orme di una puttana
sul lago delle illusioni.
Ho giocato a carte con la morte
ed ho vinto una non vita.
La tristezza di un punto oltre
che non sarò mai in grado di raggiungere.
Cammino in silenzio
lanciando per aria le monete
mentre ai miei piedi i sassi feriscono la carne
non me ne curo
del resto l'acqua fresca del lago
cura le ferite.
Nel cielo vola un gabbiano
sorretto da un vento colore dell'oro
lancia in alto le sue strida
senza accorgersi che il mio mondo
è una sfera senza uscita.
Mi immergo nel lago
ma disperato resto asciutto
la fata che ho perduto
è tornata ad essere una mignotta
che si dà a chiunque abbia
la faccia tosta di chiederla per sé.
Io sono un antico nobile signore
la mia spina dorsale è fatta di aria e di vento
e non ho denaro per comprarla.
Attendo in silenzio
che il flusso si accorga della mia presenza
ma la mia natura è ribelle
e la partita giocata sta pagando la sua posta.
Il mio destino è segnato dalla catena che ho forgiato
lungo i giorni della mia esistenza.
Ma davvero esisto?

Commenti

Massimo ha detto…
Davvero bellissima questa poesia Mistral ! E tu esisti di sicuro ...
un caro saluto
Mistral ha detto…
Sai,Massimo,la domanda è pertinente.
Io non credo di essere realmente "sul pezzo" cioé, qualche volta mi sento come trascinato e di solito non riesco a fare le cose che vorrei realmente o per convenienza o per necessità. Ho dei sogni, anche a 42 anni si sogna ma una grande confusione.
Ciao e sempre grazie per la ta attenzione.
Alfio

Post popolari in questo blog

Passare

Passare
oltre passare
non chiamarlo morire
è solo spingere una porta e entrare
al di là dello spazio e del tempo
al di là di ogni paura
della fame
di ogni schiaffo che ferisce il cuore
di ogni si negato.
Passare
appena poco più in là della sera
di quel buio che opprime
un salto
tanto per guardare cosa c'è dietro
chi non salta è smarrito
Licciardello Alfio

PoeIsaE????

Adoro il pensiero che si dipana

libero

senza essere costretto
sulle ali del falco
senza un corsetto di stereotipi
che lo stringano al petto
nato come viene viene
senza catene
senza essere cesellato
martellato.
Forma perfetta dal mio informe inconscio
non lo concepisco.
Ogni cosa nasce libera e testarda
vada come vada
è inquieta
non è mai perfetta
è prediletta
amata fino alla nausea
la causa ultima di ogni respiro.
Ispirato
espiro l'anima di ogni cosa
la sensazione
il sentimento
la sposa che ama
il tradimento
il folle che brama
il pensiero
la mia emozione
il demone che corrode l'anima
l'angelo che la eleva
la serva e la regina.
Ladro
senza scrupolo alcuno
a digiuno di parole
afferro al volo i sentimenti
resilienti
perdute dalla bocche sdrucite
dalle anime perdute
smarrite sul fiume della vita
dalla corrente trasportate
stregate dalla maga cattiva
e dalle fate liberate.
Amate disprezzate
volgari o nobili
panegirici ed ossimori.
Nessuna so come arriva
ma nel cuore è una scintilla che si infiamma
che ride
che si fa dramma
Ma…

Libero voglio essere

Non mi piacciono le costrizioni, voglio essere libero di essere, decidere, sbagliare.
Affrontare ogni mio demone, perdere e ricominciare a giocare a sfidare la mia mente che è uno dei tanti me.
Non voglio sottostare alle convenzioni , alle regole ma la legge mi segue , mi condanna ad abbassare a testa, a leccare il culo al potente di turno.
Non voglio essere omologato al pensiero razionale ma ogni anello della mia catena è legato alla terra, al suolo, a quella cavolo di caverna che si trova al di sotto della mia libertà e da cui ancora non sono riuscito a scappare.
Ho scelto, ho scelto di non scegliere, di ancorarmi alla realtà, di prendere quella cazzo di pillola rossa o blu o non mi ricordo, quella pillola che mi atterra , che mi fa stare dentro questa realtà che conosco... ma affanculo, almeno quando posso scegliere , scelgo di non adeguarmi agli altri, in questa specie di libertà effimera dove io penso di decidere di essere al di là della massa, degli omologati, di quelli che calano l…