Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2011

Platone (La prigione delle ombre)

Perduti nelle Nostre prigioni; all'estremo limite delle paure. Sferzano il cuore le frustate i sensi di colpa godono del sangue. Sul terreno lastricato da sorrisi il volto strappando una ad una le maschere lasciamo lo scheletro del viso. Ridestando il coraggio che dorme 
nell'incanto di un sogno. Le parole sanno d'inchiostro di leone nella luce si fanno fumo. Una sigaretta in bocca sulla pelle piercing di lacrime e sangue. Scappi e ti muovi in questa prigione senza sbarre l'anima tra le spire dei doveri soffoca tra gli anelli espirati. Le catene che stringono forte, fatte di acqua e nebbia, non possono essere strappate. La vita scorre nel fiume sotto; davanti solo ombre.

Pensieri

Arriva il giorno per generare la notte il silenzio dei miei pensieri solo utopia . Dormo assordando il mio cuore che pulsa i battiti li sento sotto la mia pelle. Il calore del Tuo corpo culla i miei sogni il tuo sorriso ferma il tumulto delle mie ansie ma accelera le tue nevrosi. Io scelgo nel profondo del mio cuore ma le scelte restano sotto le mie paure. Solo pensieri di carta che si bagnano alla rugiada del mattino perdendo il pallido inchiostro. Solo pensieri di fuliggine  che la brezza delle tue carezze  dissolve alla luce del giorno. Solo pensieri di fango che sono seccati dal tuo sole  lavati dalle tue lacrime di sale.

2 Angeli viaggiatori

Per chi volesse condividere, con affetto
"2 Angeli viaggiatori"

Continuate a leggere sin al fondo pagina -

non vi fermate a dove si vedono i piedi (e scoprirete.........!!).

Due angeli mentre viaggiavano si fermarono per trascorrere

la notte a casa di persone benestanti.

La famiglia era sgarbata e si rifiutò

d'alloggiare gli angeli nella stanza degli ospiti.

Diedero invece agli angeli una piccola stanza fredda nell'interrato.
Mentre si prepararono il letto sul pavimento duro,

l'angelo più anziano vide un buco nel muro e lo riparò.


Quando l'angelo più giovane chiese il perchè, l'angelo più anziano rispose,
'Le cose non sono mai quelle che sembrano.'

La notte seguente la coppia si fermò presso

la casa d'un contadino e sua moglie molto poveri,ma molto ospitali.

Dopo aver condiviso il po' di cibo disponibile,
fecero si che gli angeli dormissero nel loro letto
così permettendogli d'avere una buona notte di riposo.

Quando il sole si levò il mattino seguente …

Munnu era

Il tempo si cunotta
mentre di grigio si avvolge.
Nubi covano piccoli fulmini borbottanti
mentre verso sera si volge.
Ciauranu di ciuri e ventu
i tuoi capelli di sole e castagne.

Il tuo sorriso detta i miei giorni
in questa terra i momenti.

Il destino è avvolto dalla nebbia
ed i momenti sono sparsi tra la sabbia.

Munnu era munnu è munnu sarà
il domani è dettato dal desiderio
di godere della propria libertà.

Ogni cosa è stata scritta
ogni possibile futuro svelato
ma il libro attimo per attimo muta.

Ogni sciusciuni 'i ventu
avi di intra u ciauru ri chiddu cà sarà.