Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2011

Verità

Ritmi su sequele di pulsanti battiti rese senza continuità da sincopate fragili labbra. Il sette è all'incrocio dei pali la nebbia ha offuscato il pensiero. Ogni morto è stato vivo la banalità tiene il presente in bilico. Mille volti hanno diecimila pensieri l'assoluto è soggettivo per ognuno la stessa cosa muta forma. La verità trasla; la conoscenza è uno stagno di melma. Parole sopra parole sconce affermazioni prive di conferme chi ha bocca parla le sue frasi sono le sue sentenze, la sua verità oggettiva. Il bene è superiore alla linea che demarca il confine ogni stato ha la sua bandiera e il suo esercito gli specchi sono punti di vista. Piume portate dal vento si innalzano sul mondo senza coscienza quello che è vero è un angolo e non ci sono linee curve.

traduzione Amati figghi mei- Amati figli miei

Un giorno
non so nemmeno quando
dentro una chiesa che era vestita a festa
per l'imminente giorno di Natale,
c'era un cucciolo d'uomo che piangeva;
due stracci per vestiti
le ossa in fuori,
il volto sporco, le scarpe con i buchi
guardato come tenero uccellino 
da un prete nero e da  donna impomatata
con fare viscido e voce trabalante
domandano, benedetti,in coro
Signore non lo vedi 'sto bambino?
Non vedi ,non ha nulla da mangiare?
Il Cristo sulla croce  si risveglia
si gira sulla destra e poi a sinistra
scende dal trono e abbraccia la creatura
riempiendola di baci a più non posso
poi gira il volto così, semplicemente
guardando, dolce ,in viso quei saccenti
sorride e parla in modo assai gentile
mentre con la sua mano li carezza
"Ho fatto molto a questi figli miei
per aiutarli tutti, ad uno ad uno; 
Io ho fatto a tutti Voi
benedetti figli amati bimbi miei.
Vi ho donato in mano ogni ricchezza
felicità gioie benedizioni
ma Voi amati figli miei
vi appiccicate colpe e vi battete il petto;
non guarda…

Amati figghi mei- versione due

N'gnionnu non sacciu mancu quannu
intra na chiesa ch'era vistuta a festa
pi l'imminenti jornu di Natali
c'era n'picciriddu ca chiangeva
cu du stracci pi vesti 
l'ossa cca niscevunu di fora
lu mussu fitusu,  li scarpi sputtusati
taliatu comi fussi nn'acidduzzu
dd'in preti niurru  e nn'a signura allicchittiata
CCu fari streusu e vuci annaculiata
dummannanu, biniritti , n'coru
Signuri? nun l'aiuti stu nichittu ?
No viri cc'havi nenti cchi mangiari?
Lu Cristi supra a cruci 
s'arrusbigghia
s'annaca a destra e a manca comu nenti
scinni do scrannu e abbraccia la criatura
linchiennula di vasi a levapilu
si ggira ruci comu fussi nenti,
taliannuli nill'occhi sti saccenti
arriri e spargi meli di la ucca
mentri cca manu chianu li accarizza.
"Aiu fattu tantu ppi sti figghi mei;
p'aiutarli tutti a sti nichitti,
a unu a unu!
Ju, fici a tutti quanti vui,
biniritti figghi mei , 
a ognunu!
V'aiu ratu a tutti li ricchizzi 'ranni
felicità, gioie ,
ogni bin…

S'avvicina lu jornu di Natali

S'avvicina lu jornu di Natali
i figghi fremunu pp'à festa
nun c'interessa tantu ddo Signuri
quantu ddo fattu cca 'a scola chiusa resta.
 U Bambineddu ascuta,viri e arriri
li ciati de nichitti
sempri i stissi.
Quarcunu però chianci
quarcunu è tristi,
lu patri non travagghia e s'imbriaca,
la matri so è a la vetta ddi la china;
Scinni lu Signuri 'nta la chiana
e abbraccia forti forti lu puureddu
inchiennulu di vasi e ddi caluri.
Lu picciriddu cchianci intra la chiesa
taliatu comi fussi nn'acidduzzu
dd'in preti niurru  e nn'a signura allicchittiata
CCu fari streusu e vuci annaculiata
dummannanu, biniritti , n'coru
Signuri? nun l'aiuti stu nichittu ?
No viri cc'havi nenti cchi mangiari?
Lu Bambineddu si ggira duci comu fussi nenti,
arriri e spargi meli di la ucca.
"Aiu fattu tantu ppi sti figghi mei
p'aiutarli tutti sti nichitti
a unu a unu
Ju fici a tutti quanti vui
biniritti figghi mei , 
a ognunu.
V'aiu ratu tutti li ricchizzi 'ranni
felicità gioie ,
og…

ERO

Ho perduto il mio tempo
l'ho smarrito tra la ruggine di questi ferri
dietro l'onnipotenza
del dio di carta e metallo 
dileguato.
Il mondo, la mia vita
tutto speso.
Ho buttato via il denaro che era io
tra meretrici di anima
che mi hanno succhiato il pensiero.
Io ERO;
per qualcuno 
ERO
per chi si mostrava amico
per chi ERA anche lui fico
per quello che aveva Potere
per chi aveva timore-dolore.
Non sono stato 
per anni sono sbagliato.
All'interno di uno mondo di cartone
che se piove si bagna
e l'acqua è sangue.
Nel mondo circoscritto di una merdosa galera
che il giorno è buio
e la vita è sera.
Sono fuori
dopo venti anni
con le scintille sotto il fuoco
il loro sangue che è diventato il mio.
VAMPIRO di anime
ma se non mangio ,muoio
e sono già morto una volta.
I volti ghiaccio nella mia memoria
e le strade 
in me ogni cosa si è sciolta.
Io non sono ciò che ERO

...adesso non sono.
Resto sulla strada a divenire
ogni cosa può accadere
ho scelto di esistere.