Passa ai contenuti principali

Chi se ne è andato ...- Poesia su tutte le Shoah


binario21.org


ASCOLTO
senza parlare
SENTO
suoni di un tempo trascorso;
Anime di fango che giocano coi figli del demone
CRUDELI.
Anime di luce che piangono.
Si nasconde nel cielo la luna
BUIO
Il tempo vagisce
un nuovo mondo si annuncia
il passato è fondamenta
dure com'è duro il dolore
RICORDO
URLAAA
Fastidiose
imploranti
NEBBIA
tutto attorno 
invade i sogni
e nel presente li spegne
li soffoca come una sigaretta pestata.
Antiche preghiere 
le nenie
cantilenate ad un Dio senza più lacrime
che fedele ascolta 
nel silenzio del suo dolore
la libera scelta è catena che neanche Lui può spezzare
o forse ogni cosa è progetto.
Attende il tempo
sa che la fine è un concetto
Attende un padre
la fine 
lo sente
è già arrivata
si è perso l'uomo senza più figli
nel sapone e sul vento
tra servi alchemici del fuoco che divora.
I denti sono stati sputati
tra la fame ed i calci.
Non è vero che un'anima non muore.
Il dolore è assassino sottile.
La rabbia non soffre
resta immobile a divorare se stessa.
Ogni morto è morto per sempre.
Non sempre dalla merda nasce un fiore
qualche volta marcisce.
Si rincorrono i ricordi mille a mille
alberi di carta sul prato di sabbie mobili.
La Storia insegna
ma non si cresce imparando.
Ogni studente ha i suoi maestri
ogni lezione ha i suoi discenti.
Scorrono le lacrime
ancora
migliaia, milioni di schegge
trapassano ogni giorno la carne della mente
i cuori avvelenati dal silenzio.
L'amore è l'antidoto
troppi, però, gli amori andati Oltre.
"Darà la STORIA il giudizio"
ma chi se ne frega
la storia è favola d'uomo
e poi 
RIPETO
CHI SE NE È ANDATO NON TORNA

Commenti

loveandbooks ha detto…
molto toccante...

Post popolari in questo blog

Passare

Passare
oltre passare
non chiamarlo morire
è solo spingere una porta e entrare
al di là dello spazio e del tempo
al di là di ogni paura
della fame
di ogni schiaffo che ferisce il cuore
di ogni si negato.
Passare
appena poco più in là della sera
di quel buio che opprime
un salto
tanto per guardare cosa c'è dietro
chi non salta è smarrito
Licciardello Alfio

PoeIsaE????

Adoro il pensiero che si dipana

libero

senza essere costretto
sulle ali del falco
senza un corsetto di stereotipi
che lo stringano al petto
nato come viene viene
senza catene
senza essere cesellato
martellato.
Forma perfetta dal mio informe inconscio
non lo concepisco.
Ogni cosa nasce libera e testarda
vada come vada
è inquieta
non è mai perfetta
è prediletta
amata fino alla nausea
la causa ultima di ogni respiro.
Ispirato
espiro l'anima di ogni cosa
la sensazione
il sentimento
la sposa che ama
il tradimento
il folle che brama
il pensiero
la mia emozione
il demone che corrode l'anima
l'angelo che la eleva
la serva e la regina.
Ladro
senza scrupolo alcuno
a digiuno di parole
afferro al volo i sentimenti
resilienti
perdute dalla bocche sdrucite
dalle anime perdute
smarrite sul fiume della vita
dalla corrente trasportate
stregate dalla maga cattiva
e dalle fate liberate.
Amate disprezzate
volgari o nobili
panegirici ed ossimori.
Nessuna so come arriva
ma nel cuore è una scintilla che si infiamma
che ride
che si fa dramma
Ma…

Libero voglio essere

Non mi piacciono le costrizioni, voglio essere libero di essere, decidere, sbagliare.
Affrontare ogni mio demone, perdere e ricominciare a giocare a sfidare la mia mente che è uno dei tanti me.
Non voglio sottostare alle convenzioni , alle regole ma la legge mi segue , mi condanna ad abbassare a testa, a leccare il culo al potente di turno.
Non voglio essere omologato al pensiero razionale ma ogni anello della mia catena è legato alla terra, al suolo, a quella cavolo di caverna che si trova al di sotto della mia libertà e da cui ancora non sono riuscito a scappare.
Ho scelto, ho scelto di non scegliere, di ancorarmi alla realtà, di prendere quella cazzo di pillola rossa o blu o non mi ricordo, quella pillola che mi atterra , che mi fa stare dentro questa realtà che conosco... ma affanculo, almeno quando posso scegliere , scelgo di non adeguarmi agli altri, in questa specie di libertà effimera dove io penso di decidere di essere al di là della massa, degli omologati, di quelli che calano l…