lunedì 20 agosto 2012

Assassinio

Versi traditi
uccisi su un microfono senza anima
vagano miseri sull'etere
assassinati dal loro creatore.
Parole di luce pervase
che la presunzione soffoca
nella penombra di una sala assonnata.

LA POESIA È MORTA!
SIORI E SIORI
i poeti l'hanno schiacciata
nei mesti funerali di microfoni e sbadigli.
Le poesie sono troppe
ancora di più chi le declama
pochi coloro che sanno ascoltare.

Si ama chiacchierare, ciarlare
rimestare il coltello nella piaga.
Non tutti i cani sono nei canili
ma almeno quelli hanno buone orecchie.

Bla...bla...bla
 è facile parlare
basta dire due frasi in fila.
Non tutti i parolieri sono cantanti
stavolta non voglio fare sconti,
me ne infischio del fischio di chi dorme;
la notte è lunga e adesso sono insonne
alla luna urlo tutta la mia rabbia

Ahuuuuuuuu
Sono un lupo assetato di vendetta;
la saliva mi sbava dalla bocca.
Non corro oggi
non ho nessuna fretta
non c'è alcuna bara che mi aspetta.
Shhhhhh
silenzio tutti ed ascoltate
monotòno il suono senza oscillare
frasi uguali le une alle altre;
né melodia né musica
solamente noia.
Adesso lento il disco sbaglia i giri
scende più in basso
attenti
tutto muore
piangono i cipressi senza compassione
i benpensanti russan compiaciuti
Zzzzzzzzrrrzz

SVEGLIATEVI
la musica riprende
il ritmo batte
la melodia si accende
i suoni si fanno ritmo e armonia
la vita è meraviglia ed oggi è già poesia
che scuote che sconvolge
che movimento chiama
il suono si fa orchestra che l'esistenza brama.
Nessuna cosa è finta
ma l'Arte vuole Artisti
Per cui non siate  tristi
ognuno ha un posto adatto.
La Poesia oggi URLAAA
richiama il suo riscatto


Per aiutarvi a capire, qualunque sia la Vostra lingua

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...