venerdì 9 agosto 2013

Il clone utopista-

 racconto breve di Alfio Armando Licciardello 

Ora piano il giorno si dimentica di esistere e per quelli che hanno delle utopie da scrivere arriva la loro luce, quella luce che solo noi , gli insonni dell'arte , riusciamo a percepire. Noi quelli che segretamente sperano che domani, un domani che probabilmente è ogni giorno spostato più in là, domani, dicevo, qualcuno si accorgerà di noi. Magari vorrà creare un a canzone con le nostre poesie o sarà entusiasta per quanto siamo bravi a scrivere o a disegnare o a qualunque altra cosa in cui noi pensiamo di essere i più bravi. Capita per caso, guardi la casella alla tua destra e vedi tanti post, ne guardi uno , un altro e cappero te ne accorgi, prima o dopo te ne accorgi, a volte succede per un colpo di fortuna(chiamala fortuna) che vedi che c'è uno e un altro e unaltro ancora che ha i tuoi stessi sogni, le tue stesse utopie e cacchi quanto è bravo, molto più bravo di Te ( Lui pensa la stessa cosa) allora in quel momento sei fottuto, in quel momento pensi " Ma se questo è un altro sfigato che la pensa come me, si lamenta che con la sua "arte " non fa soldi, che non riesce a emergere... non riesce a emergere...non fa soldi con la sua arte.Cazzo un clone; ma allora tu, Io ma che speranze ho. Lì sei fregato, li smetti di lottare, ti arrendi. Ma è solo un attimo, poi razionalizzi... Io sono più bravo, io farò cose che l'altro non fa, io dirò cose che l'altro... altro...al.
Ma caspita, vuoi vedere che l'altro sono Io?

Nessun commento:

Per aiutarvi a capire, qualunque sia la Vostra lingua

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...