Passa ai contenuti principali

Gli uomini e le Guerre

Guernica- L'orrore della guerra
Io non riesco a capire come mai, durante le guerre, uomini che non farebbero male a una mosca , divengono assassini, forse le guerre servono ad assorbire tutta quella cattiveria che ognuno si porta dentro . servono a fare uscire fuori il male per vederlo in faccia e comprendere quanto possa essere doloroso.
Io non comprendo perché milioni di persone divengono succubi di centinaia di omini di potere che, dietro le loro scrivanie , decidono chi e perché uccidere e i milioni li seguono ciecamente senza dubitare, senza ribellarsi, anzi assurgendo questi a eroi nazionali.
Io non comprendo come possano uomini di chiesa esternare blasfemie per condurre fedeli a combattere in nome di un dio che a mio parere è un immagine malefica creata da anime corrotte  colme di cattiveria, si , cattiveria è una parola obsoleta e da bambini ma a me piacerebbe tornare innocente e credere in Babbo Natale a proposito, ci credo.
Sono confuso se penso che per il potere e il danaro si decide di costruire strumenti che potrebbero creare Danni alla Nostra Terra a Noi e ai Nostri Figli adducendo come scusa un il progresso deve andare avanti oppure che "nessun pericolo è possibile perché ogni cosa è stata studiata" salvo poi scoprire che esistono tutt'ora scorie radioattive della centrale di chernobyl che noi assumiamo col sale iodato aumentando il rischio di sviluppare patologie tiroidee, che il Muos potrebbe arrecare gravi danni ai diversi sistemi biologici a causa delle radiazioni elettromagnetiche che emette.
Sono folle di rabbia quando convincono dei padri a lavorare in fabbriche che uccideranno loro e i loro figli di tumore con il ricatto che o così o nessun lavoro
Se solo tutti gli uomini che credono o meglio che hanno FEDE in DIO si rendessero conto della loro Enorme Forza si potrebbe cambiare il mondo come se dall'Inverno si passasse alla Primavera . Ma anche se ci sono Uomini che non hanno fede in nessun dio ma lottassero per la loro Umanità  sarebbero, saremmo Tutti insieme in grado di cambiare il mondo. Io il 27 settembre, nel mio piccolo farò parte dei poeti che parleranno per cambiare il mondo.
Un'altra cosa che mi addolora è che questo pensiero tra 24 ore sarà solamente fumo di bit... Fate in modo che giri, cambiatene il senso le parole, metteteci il Vostro nome ma Facciamolo girare. Per NOI
Alfio Armando Licciardello

Commenti

Post popolari in questo blog

Gloria ai guerrieri

Oggi onoro i guerrieri
coloro che oggi vivono 
che ancora credono
che sperano fino a morirne
fino a sputarne sangue e anima.

Oggi onoro i guerrieri
coloro che nascosti corrono
che lottano contro i mulini a vento
ed il vento soffia
fino a stracciare la pelle
fino a rompere le palle.

Oggi onoro i guerrieri
quelli che lottano contro il proprio dolore
e perdono e si rialzano indomiti
fino a quando il dolore non oscura il loro cuore
e anche allora c'è luce
quelli che ogni mattina si alzano
e vedono lo stesso cielo
lo stesso fottuto giorno
che si apre tremendo.

Oggi onoro i guerrieri
perché io ho conosciuto i guerrieri
ed ogni giorno li osservo combattere
e perdere
e qualche volta vincere
e sorridere in culo alla vita
indomita la forza
la lotta , la fatica
che la schiena si spezza
e lo spirito si scheggia
ed in silenzio
con rispetto
... li onoro

Passare

Passare
oltre passare
non chiamarlo morire
è solo spingere una porta e entrare
al di là dello spazio e del tempo
al di là di ogni paura
della fame
di ogni schiaffo che ferisce il cuore
di ogni si negato.
Passare
appena poco più in là della sera
di quel buio che opprime
un salto
tanto per guardare cosa c'è dietro
chi non salta è smarrito
Licciardello Alfio

Autismo

Lui è stato lì
l'ho visto
lui era qui
insisto...
Vaccino non vaccino
mercurio alluminio
glutine anossia
virus ,premorte
paura
genetica
la scure di un dio senza memoria
il karma
la puttana sorte
Chi cazzo gli ha donato questa morte ?
Respira
si muove
cammina
nell'odissea di un giorno che non ha memoria.
Lo guardo
lo osservo lo Amo
ma è un muro
un fottuto specchio
Un seme all'interno di un frutto
La luna dentro il secchio
che quando la vedi appena affacciare
la copri col coperchio del tuo cuore
ma se ti sporgi ad osservare
non c'è nessuna luce da guardare.
Muori ogni volta che osservi gli occhi spenti
muori giorno dopo giorno
ucciso dai lamenti
dai suoi tormenti senza sbocco
dal suo corpo che tocco
e so che CAZZO lui è la dentro
ma io non ho le chiavi
by Alfio Armando Licciardello