Passa ai contenuti principali

Assassinio

Versi traditi
uccisi su un microfono senza anima
vagano miseri sull'etere
assassinati dal loro creatore.
Parole di luce pervase
che la presunzione soffoca
nella penombra di una sala assonnata.

LA POESIA È MORTA!
SIORI E SIORI
i poeti l'hanno schiacciata
nei mesti funerali di microfoni e sbadigli.
Le poesie sono troppe
ancora di più chi le declama
pochi coloro che sanno ascoltare.

Si ama chiacchierare, ciarlare
rimestare il coltello nella piaga.
Non tutti i cani sono nei canili
ma almeno quelli hanno buone orecchie.

Bla...bla...bla
 è facile parlare
basta dire due frasi in fila.
Non tutti i parolieri sono cantanti
stavolta non voglio fare sconti,
me ne infischio del fischio di chi dorme;
la notte è lunga e adesso sono insonne
alla luna urlo tutta la mia rabbia

Ahuuuuuuuu
Sono un lupo assetato di vendetta;
la saliva mi sbava dalla bocca.
Non corro oggi
non ho nessuna fretta
non c'è alcuna bara che mi aspetta.
Shhhhhh
silenzio tutti ed ascoltate
monotòno il suono senza oscillare
frasi uguali le une alle altre;
né melodia né musica
solamente noia.
Adesso lento il disco sbaglia i giri
scende più in basso
attenti
tutto muore
piangono i cipressi senza compassione
i benpensanti russan compiaciuti
Zzzzzzzzrrrzz

SVEGLIATEVI
la musica riprende
il ritmo batte
la melodia si accende
i suoni si fanno ritmo e armonia
la vita è meraviglia ed oggi è già poesia
che scuote che sconvolge
che movimento chiama
il suono si fa orchestra che l'esistenza brama.
Nessuna cosa è finta
ma l'Arte vuole Artisti
Per cui non siate  tristi
ognuno ha un posto adatto.
La Poesia oggi URLAAA
richiama il suo riscatto


Commenti

Post popolari in questo blog

Gloria ai guerrieri

Oggi onoro i guerrieri
coloro che oggi vivono 
che ancora credono
che sperano fino a morirne
fino a sputarne sangue e anima.

Oggi onoro i guerrieri
coloro che nascosti corrono
che lottano contro i mulini a vento
ed il vento soffia
fino a stracciare la pelle
fino a rompere le palle.

Oggi onoro i guerrieri
quelli che lottano contro il proprio dolore
e perdono e si rialzano indomiti
fino a quando il dolore non oscura il loro cuore
e anche allora c'è luce
quelli che ogni mattina si alzano
e vedono lo stesso cielo
lo stesso fottuto giorno
che si apre tremendo.

Oggi onoro i guerrieri
perché io ho conosciuto i guerrieri
ed ogni giorno li osservo combattere
e perdere
e qualche volta vincere
e sorridere in culo alla vita
indomita la forza
la lotta , la fatica
che la schiena si spezza
e lo spirito si scheggia
ed in silenzio
con rispetto
... li onoro

Passare

Passare
oltre passare
non chiamarlo morire
è solo spingere una porta e entrare
al di là dello spazio e del tempo
al di là di ogni paura
della fame
di ogni schiaffo che ferisce il cuore
di ogni si negato.
Passare
appena poco più in là della sera
di quel buio che opprime
un salto
tanto per guardare cosa c'è dietro
chi non salta è smarrito
Licciardello Alfio

Autismo

Lui è stato lì
l'ho visto
lui era qui
insisto...
Vaccino non vaccino
mercurio alluminio
glutine anossia
virus ,premorte
paura
genetica
la scure di un dio senza memoria
il karma
la puttana sorte
Chi cazzo gli ha donato questa morte ?
Respira
si muove
cammina
nell'odissea di un giorno che non ha memoria.
Lo guardo
lo osservo lo Amo
ma è un muro
un fottuto specchio
Un seme all'interno di un frutto
La luna dentro il secchio
che quando la vedi appena affacciare
la copri col coperchio del tuo cuore
ma se ti sporgi ad osservare
non c'è nessuna luce da guardare.
Muori ogni volta che osservi gli occhi spenti
muori giorno dopo giorno
ucciso dai lamenti
dai suoi tormenti senza sbocco
dal suo corpo che tocco
e so che CAZZO lui è la dentro
ma io non ho le chiavi
by Alfio Armando Licciardello