Passa ai contenuti principali

S'avvicina lu jornu di Natali

S'avvicina lu jornu di Natali
i figghi fremunu pp'à festa
nun c'interessa tantu ddo Signuri
quantu ddo fattu cca 'a scola chiusa resta.
 U Bambineddu ascuta,viri e arriri
li ciati de nichitti
sempri i stissi.
Quarcunu però chianci
quarcunu è tristi,
lu patri non travagghia e s'imbriaca,
la matri so è a la vetta ddi la china;
Scinni lu Signuri 'nta la chiana
e abbraccia forti forti lu puureddu
inchiennulu di vasi e ddi caluri.
Lu picciriddu cchianci intra la chiesa
taliatu comi fussi nn'acidduzzu
dd'in preti niurru  e nn'a signura allicchittiata
CCu fari streusu e vuci annaculiata
dummannanu, biniritti , n'coru
Signuri? nun l'aiuti stu nichittu ?
No viri cc'havi nenti cchi mangiari?
Lu Bambineddu si ggira duci comu fussi nenti,
arriri e spargi meli di la ucca.
"Aiu fattu tantu ppi sti figghi mei
p'aiutarli tutti sti nichitti
a unu a unu
Ju fici a tutti quanti vui
biniritti figghi mei , 
a ognunu.
V'aiu ratu tutti li ricchizzi 'ranni
felicità gioie ,
ogni binidiziuni
ma vui amati figghi mei
vi nchiumati culpi vi battiti i petti.
Gridati comu fussi luntanu
" Perdonici signuri
muristi 'n cruci non vogghiu essiri menu
Ju aiu li curpi e la me vita je tristi
mi battu u pettu signuri cca mi scantu
ddi non viriri u to pararisu signuri
sempri santu"
NN'ata caputu animi ruci e amati
sugnu lu Figghiu ma sugnu puri u Patri
Ju e sulu Ju mi misi n'ta la Cruci
pp'ittarivi a lli spaddi i vostri mali
a curpa cca sintiti e sulu a vostra
VV'aja binirittu ccu tuttu lu me Cori
VVuatri figghi ata jessiri felici
ppicchi ddi Patri Ju vogghiu u Vostru beni.
Ora Figghiuzzi Amati e Biniditti
L'uni ccu l'autru vvat'ajutari assemi
lassati stari l'asti e vostri spaddi
comu la Cruci cc'aju lassatu Ju
CC'a u Pararisu spetta a tutti quanti
CC'a JU sugnu Amuri
Senza condizioni !

Commenti

Post popolari in questo blog

Gloria ai guerrieri

Oggi onoro i guerrieri
coloro che oggi vivono 
che ancora credono
che sperano fino a morirne
fino a sputarne sangue e anima.

Oggi onoro i guerrieri
coloro che nascosti corrono
che lottano contro i mulini a vento
ed il vento soffia
fino a stracciare la pelle
fino a rompere le palle.

Oggi onoro i guerrieri
quelli che lottano contro il proprio dolore
e perdono e si rialzano indomiti
fino a quando il dolore non oscura il loro cuore
e anche allora c'è luce
quelli che ogni mattina si alzano
e vedono lo stesso cielo
lo stesso fottuto giorno
che si apre tremendo.

Oggi onoro i guerrieri
perché io ho conosciuto i guerrieri
ed ogni giorno li osservo combattere
e perdere
e qualche volta vincere
e sorridere in culo alla vita
indomita la forza
la lotta , la fatica
che la schiena si spezza
e lo spirito si scheggia
ed in silenzio
con rispetto
... li onoro

Passare

Passare
oltre passare
non chiamarlo morire
è solo spingere una porta e entrare
al di là dello spazio e del tempo
al di là di ogni paura
della fame
di ogni schiaffo che ferisce il cuore
di ogni si negato.
Passare
appena poco più in là della sera
di quel buio che opprime
un salto
tanto per guardare cosa c'è dietro
chi non salta è smarrito
Licciardello Alfio

Autismo

Lui è stato lì
l'ho visto
lui era qui
insisto...
Vaccino non vaccino
mercurio alluminio
glutine anossia
virus ,premorte
paura
genetica
la scure di un dio senza memoria
il karma
la puttana sorte
Chi cazzo gli ha donato questa morte ?
Respira
si muove
cammina
nell'odissea di un giorno che non ha memoria.
Lo guardo
lo osservo lo Amo
ma è un muro
un fottuto specchio
Un seme all'interno di un frutto
La luna dentro il secchio
che quando la vedi appena affacciare
la copri col coperchio del tuo cuore
ma se ti sporgi ad osservare
non c'è nessuna luce da guardare.
Muori ogni volta che osservi gli occhi spenti
muori giorno dopo giorno
ucciso dai lamenti
dai suoi tormenti senza sbocco
dal suo corpo che tocco
e so che CAZZO lui è la dentro
ma io non ho le chiavi
by Alfio Armando Licciardello