Passa ai contenuti principali

I miei sogni

Nessuno mi ascolta
nemmeno Tu che stanco passi ad osservare.
Io sono in lotta
contro il mio asservimento al potere.
La mia guerra la combatto contro il cuore.
Neanche io mi sento
e nel mio silenzio mi tormento.
Basta... cazzo
questo silenzio
l'ho preso , l'ho masticato, digerito, vomitato
cantato in mille e mille scritti; 
né avrò veramente scritte tante sul silenzio ?
Cavolo, non ricordo
c'è troppo rumore dentro questa testa.
UUURLOOOO
sbatto le braccia contro il muro
ma i miei sogni restano sempre lì;
come vorrei che volassero via dal mio cuore,
scappassero spaventati attraverso le mie dita
e si infilassero nelle crepe del muro
che 
SBATTO
SBATTO
SBATTO
 e invece no,
cazzooo
(la dovrò finire di dire questa parola, 
eppure rende bene); 
invece no,
i sogni 
questi miei sogni inermi
mi restano dentro
mi sorridono innocenti
senza sapere che ogni loro luce
è una ferita nel mio cuore;
Una lama di ghiaccio che mi dilania.
NOOOO
andate via 
maledetti bastardi
figli delle mie emozioni e 
dell'illusione che troia si dà a tutti.
Eppure loro, i miei sogni, 
rimangono innocenti;
esseri senza barba né unghia.
Vorrei uscire da me
con noncuranza
avvicinarli ad uno ad uno
cingerli con le mie mani senza forza
e dolcemente stringerli
e un pò di più e DI PIÙ
DI PIÙ
DI PIÙÙÙÙÙ.
Fino a vederli strisciare sull'asfalto 
esangui senza più nutrimento
senza 
più
vita.
Però, uccidendo loro
anche Io...
morirei

Commenti

Post popolari in questo blog

E=mc^2

Il Pensiero è Energia
Forma senza sostanza
che diviene Essere.

Qualunque cosa Esistere
la volontà è Potenza
Immensa senza limite
ogni freno è consapevole.

il Pensiero è immateriale
Energheja in movimento
Unica Immortale
è semplice Portento.

Il Segreto del mondo
in una sciocca Poesia
te lo dono nel sogno
nella nuova Armonia.

Ognuno può cogliere le sue perle
quelle che spettano di diritto
ognuno può leggere
storto oppure dritto.

La Fede è Potere
piccola come senape
ogni cosa Diviene
Reale Soggettivo.

L'energia è materia
il pensiero è energia
questa che Tu leggi
non è solo poesia.

È il segreto dei Folli
il Nocciolo della Mia Verità
non è fiaba per molli
è l'assurda Realtà.

Il Soggettivo diviene il proprio Oggettivo
che lo si scelga o si voglia
e il Tutto si compie
se si varca la Soglia

Pensateci...

Contro gi stupri e le violenzel

Si increspa il mondo degli uomini
stordito dalle urla di quelli che sono innocenti
Il mondo si è addormentato sul ciglio di un burrone
sul margine di un vulcano
Si è intriso di peccato
il mondo
ahimè è sbagliato
screziato
crepato
qua e la sfregiato da chi si chiama umano
da chi ha osservato ne silenzio mutilato
il sorriso pulito di un volto sfigurato
da chi ha donato
la paura
dalla cura che un dio sbagliato non è riuscito a donare salvezza.

Dire fare baciare
chi non vuole giocare disprezza la partita
ma si mette a giocare perche ha corpo di pezza
ed il demonio non si trova all'inferno
chi non ha lacrime piange sangue
e chi è esangue finisce di soffrire.
Il dolore inerme che strappa
il verme che andrebbe schiacciato
non basta che sia condannato dalla giustizia degli uomini
perche gli uomini non conoscono la giustizia
ed il tempo a volte dimentica.
L'infanticidio è un obbrobrio
è l'omicidio dell'umanità intera
ed un pedofilo è un errore nella trama dell'universo
un cancro perverso
qualunque sia l…

Il concilio di Costantinopoli

Concilio di Costantinopoli
Nella città d'oro
si è brindato al futuro
sopra chiodi di sangue e amore
si è deciso chi vive e chi muore.
Il potere deve esser mantenuto
la massa va controllata.
Ogni libera scelta è mutuata
al potere supremo.
Quello ha detto
ma noi scegliamo
del resto il popolo deve essere guidato.
Il nostro pensiero non deve essere blasfemo
il nostro potere è terreno.
Stiano coi santi i santi
la nostra legge è corretta
il popolo và ammansito
il pensiero con l'inferno va gestito.
Lui che ne sa di come è fatto il mondo
uomini pii devono essere lupi fra gli agnelli
gli agnelli faranno lana
noi ci vestiremo coi loro velli.
Gesù è stato inchiodato sulla croce
noi inchioderemo ognuno alla sua colpa.
Perché nessuno possa dire
che il libero pensiero deve agire
Licciardello Alfio Armando