Passa ai contenuti principali

Carta canta

Carta canta
e l'inchiostro vi si imprime
chi sbadiglia sbaglia
ed il signore osserva.
Beato chi ci crede
ma il sorriso è insipiente
onnipotente l'amore fa tremare i polsi
ma abbiamo segato le mani
Giovani nani ossequiano la meretrice
ella è dell' amore la più sapiente attrice.
Puntano le dita le monache orripilate
dimena il suo culo come fosse estate.
Danza cosciente delle risa e dei lazzi
balla senziente per gli onanisti mai sazi.
Urla alla luna il pio santo in ginocchio
mentre il blasfemo strizza alla notte il suo occhio.
Spinge il rimorso l'innocente nel buio
mentre il perverso china il capo al suo dio.
Nessuna frase è troppo
nessuna speranza è fumo
il mondo viaggia in catene
ed il virgulto soffre le pene.
Il desiderio è scintilla
che dentro il corpo sfavilla
sbriluccica brilla si abbatte si perde 
nel buio si fa luce e disperde
l'innocenza si ingarbuglia farfuglia 
 il mondo vince e si imbroglia.
Carta canta
ed il mondo continua il suo percorso
naviga dentro il futuro
rinnegando il passato
ma il cerchio gira si volta 
ed ogni volta si arrota
si ripresenta 
 si sdegna il pio e
la meretrice danza ed
 il fanciullo si sporca 
si indigna il pio alle monache devoto
ignoto 
si sfiocca il passato daccapo e ricomincia
 e 
si spegne 
si riaccende 
riprende 
corsi e ricorsi
 dispersi
persi
ritrovati senza mai essere cercati
Carta canta senza più voce ...


Commenti

Post popolari in questo blog

Il concilio di Costantinopoli

Concilio di Costantinopoli
Nella città d'oro
si è brindato al futuro
sopra chiodi di sangue e amore
si è deciso chi vive e chi muore.
Il potere deve esser mantenuto
la massa va controllata.
Ogni libera scelta è mutuata
al potere supremo.
Quello ha detto
ma noi scegliamo
del resto il popolo deve essere guidato.
Il nostro pensiero non deve essere blasfemo
il nostro potere è terreno.
Stiano coi santi i santi
la nostra legge è corretta
il popolo và ammansito
il pensiero con l'inferno va gestito.
Lui che ne sa di come è fatto il mondo
uomini pii devono essere lupi fra gli agnelli
gli agnelli faranno lana
noi ci vestiremo coi loro velli.
Gesù è stato inchiodato sulla croce
noi inchioderemo ognuno alla sua colpa.
Perché nessuno possa dire
che il libero pensiero deve agire
Licciardello Alfio Armando
Le Anime risplendono
alte nel fuoco si accendono
si sfioccano al di là dello spazio
smarrite all'incrocio del tempo
nel vento si sfrondano
dilatandosi nell'etere.

Si moltiplicano le Anime
nei mille volti di Dio
uguali a se stesse
diventano sabbia
facendosi vino
diventano ebbrezza .

Sapienti le Anime
conoscono l'Universo esteso
la verità dell'Assoluto
il Pensiero
il senso delle cose.

Amano le Anime
senza compromessi
Sono Dio le Anime
...Uno nell'UNO

Munnu era , munnu è e munnu sarà(mondo era , mondo è, mondo sarà)

Ogni momento trascorre
tra le serpi dell'esistenza.
È il percorso che si sceglie la strada
il sentiero è un cerchio .
" Ai miei tempi i giovani...
Oggi invece"
Munnu era , munnu è e munnu sarà
Niente che non sia stato vissuto
nulla che
in un modo o in un altro
non sia già accaduto.
Ogni vita è una spirale
che un Dio perfetto
ha donato per capire.
Munnu era , munnu è e munnu sarà
ed alla fine ogni cosa troverà il suo posto.