Passa ai contenuti principali

Coma

Immaginate di essere in coma...io l'ho fatto



Immerse dentro un lago di silenzio
le mie orecchie
affinché nessun suono possa corromperle

Gli occhi miei spenti
sbarrate le fessure
con le travi
perché nessuna luce possa attraversarli.

Dentro una teca di cristallo,
il mio corpo senza aria 
perché nessuno possa sfiorarlo
e toccandolo farlo vibrare.

Ho pieno il mio naso di 
sale senza gusto
così ché nessun odore
possa penetrare la mia mente

Dormo 
in uno stato di quiete senza sogni
nel coma in cui questa mezza morte
mi ha buttato.

Dentro un castello 
col fossato e senza ponte
dentro una noce la mia mente gheriglio

Sono nella vita senza vita
nutrita la mia carne senza cibo
la mia sete è spenta senza bere

Trascorro in questo sentiero
senza sbocco 
questo temponontempo che è il mio tempo
Aspettando il grido del vento
che mi conduca ad un qualunque luogo
Oggi questa poesia ha vinto il primo premio di "è nato un poeta della città di Viagrande", scusate volevo condividerlo con chi mi dona il privilegio di leggere queste briciole di anima.
Grazie, Alfio

Commenti

marina ha detto…
Dal greco Koma: sonno profondo...e poiché "Siamo fatti dello stesso tessuto dei sogni" (Shakespeare)...percorso profondissimo... Ciao.
Raffaele ha detto…
Ciao Carissimo Mistral,
E'la stessa VISIONE indicata nei misteri Eleusini in coincidenza dell'Equinozio d'Autunno. SEPPELITELI VIVI COME I MORTI PER FARE RINASCERE QUELLA SPIGA DA QUEL SEME LATENTE MESSO SOTTO TERRA.

Post popolari in questo blog

Il concilio di Costantinopoli

Concilio di Costantinopoli
Nella città d'oro
si è brindato al futuro
sopra chiodi di sangue e amore
si è deciso chi vive e chi muore.
Il potere deve esser mantenuto
la massa va controllata.
Ogni libera scelta è mutuata
al potere supremo.
Quello ha detto
ma noi scegliamo
del resto il popolo deve essere guidato.
Il nostro pensiero non deve essere blasfemo
il nostro potere è terreno.
Stiano coi santi i santi
la nostra legge è corretta
il popolo và ammansito
il pensiero con l'inferno va gestito.
Lui che ne sa di come è fatto il mondo
uomini pii devono essere lupi fra gli agnelli
gli agnelli faranno lana
noi ci vestiremo coi loro velli.
Gesù è stato inchiodato sulla croce
noi inchioderemo ognuno alla sua colpa.
Perché nessuno possa dire
che il libero pensiero deve agire
Licciardello Alfio Armando
Le Anime risplendono
alte nel fuoco si accendono
si sfioccano al di là dello spazio
smarrite all'incrocio del tempo
nel vento si sfrondano
dilatandosi nell'etere.

Si moltiplicano le Anime
nei mille volti di Dio
uguali a se stesse
diventano sabbia
facendosi vino
diventano ebbrezza .

Sapienti le Anime
conoscono l'Universo esteso
la verità dell'Assoluto
il Pensiero
il senso delle cose.

Amano le Anime
senza compromessi
Sono Dio le Anime
...Uno nell'UNO

Munnu era , munnu è e munnu sarà(mondo era , mondo è, mondo sarà)

Ogni momento trascorre
tra le serpi dell'esistenza.
È il percorso che si sceglie la strada
il sentiero è un cerchio .
" Ai miei tempi i giovani...
Oggi invece"
Munnu era , munnu è e munnu sarà
Niente che non sia stato vissuto
nulla che
in un modo o in un altro
non sia già accaduto.
Ogni vita è una spirale
che un Dio perfetto
ha donato per capire.
Munnu era , munnu è e munnu sarà
ed alla fine ogni cosa troverà il suo posto.