venerdì 9 agosto 2013

Pensieri di un pazzo- tratto da "Il diario della Follia"



Sto pensando a cosa sono i "poeti" cioè quelle persone che cercano di porre parole in fila fino a cercare pensieri di senso compiuto, almeno per loro. Alcune volte mi capita di ascoltare delle poesie che sembrano venire da altrove; come se i poeti potessero cogliere , da un mondo al di là del mondo, frammenti di infinito. Naturalmente non tutti i poeti riescono a fare questo e non sempre un poeta che è stato sfiorato dall'immensità potrà essere un "tramite" una seconda volta. Premetto che non parlo di me; non potrei. Forse cosi come i veggenti, i poeti riescono a vedere ed a tradurre, in un modo totalmente loro, altre realtà. Forse è la paura del trascendente ad avere relegato i poeti in una nicchia, oppure il fatto che molte persone credono di avere la "visione" e pretendono di avvolgere tutti nella loro visione distorta. Così come esistono falsi veggenti esistono, a mio parere, falsi poeti, gente che pensa di mettere due righe in fila e diventare Alda Merini o Leopardi o Tagorè o ecc. I poeti sono ,tutti, dei pazzi, folli ed il loro problema è che quando scrivono le loro poesie e le condividono si sentono Grandi , salvo poi scoprire che nel mondo sono piccoli come tutti gli altri, anzi sono relegati nella nicchia delle loro convinzioni; quando dicono a qualcuno voglio fare il poeta il più colto ti risponderà "Carmina non dat panem" , per altri ma cchi minchia vo fari? otinni a travagghiari (ma cosa intendi? vai a lavorare). È inutile , le poesie non danno pane, ma cacchio quanto è bello scriverle.

Nessun commento:

Per aiutarvi a capire, qualunque sia la Vostra lingua

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...