Passa ai contenuti principali

Mia salvezza



Acqua scorre

salando i solchi in cui

il tuo sorriso si stende

ad assolare i miei giorni.




Non riesco a capire

è bastato un No detto per sbaglio

senza nemmeno pensare

incastonato senza cura

all'interno di un giorno

in cui avevo lasciato le mie speranza a disperarsi.




Ogni goccia che dalla fonte della mia gioia

con assurda lentezza

cade giù in basso

fino a sfiorare il mio cuore

è acido che brucia

che lacera la pelle tesa.




Io sono qui

ad espiare le mie colpe in silenzio

chiedo il Tuo assenso

l'assenzio dei tuoi baci

che

sapienti curanderi

sappiano aggiustare il mio cuore ferito.




Io pregherò mille angeli

santi che non conosco

il Dio che Tu mi hai donato

solo perché possa far tornare indietro il Tempo

e trasformare quel "no" in silenzio

mutarlo in un sorriso nuovo

in un cenno di assenso

nell'espiazione di un folle malato.




Anche se per Te

la mia assurda negazione è

ghiaccio nell'acqua,

in quell'acqua disperato annego

fino al momento in cui la tua carezza

senza scopo

non diviene mia salvezza...

Commenti

Post popolari in questo blog

Gloria ai guerrieri

Oggi onoro i guerrieri
coloro che oggi vivono 
che ancora credono
che sperano fino a morirne
fino a sputarne sangue e anima.

Oggi onoro i guerrieri
coloro che nascosti corrono
che lottano contro i mulini a vento
ed il vento soffia
fino a stracciare la pelle
fino a rompere le palle.

Oggi onoro i guerrieri
quelli che lottano contro il proprio dolore
e perdono e si rialzano indomiti
fino a quando il dolore non oscura il loro cuore
e anche allora c'è luce
quelli che ogni mattina si alzano
e vedono lo stesso cielo
lo stesso fottuto giorno
che si apre tremendo.

Oggi onoro i guerrieri
perché io ho conosciuto i guerrieri
ed ogni giorno li osservo combattere
e perdere
e qualche volta vincere
e sorridere in culo alla vita
indomita la forza
la lotta , la fatica
che la schiena si spezza
e lo spirito si scheggia
ed in silenzio
con rispetto
... li onoro

Passare

Passare
oltre passare
non chiamarlo morire
è solo spingere una porta e entrare
al di là dello spazio e del tempo
al di là di ogni paura
della fame
di ogni schiaffo che ferisce il cuore
di ogni si negato.
Passare
appena poco più in là della sera
di quel buio che opprime
un salto
tanto per guardare cosa c'è dietro
chi non salta è smarrito
Licciardello Alfio

Autismo

Lui è stato lì
l'ho visto
lui era qui
insisto...
Vaccino non vaccino
mercurio alluminio
glutine anossia
virus ,premorte
paura
genetica
la scure di un dio senza memoria
il karma
la puttana sorte
Chi cazzo gli ha donato questa morte ?
Respira
si muove
cammina
nell'odissea di un giorno che non ha memoria.
Lo guardo
lo osservo lo Amo
ma è un muro
un fottuto specchio
Un seme all'interno di un frutto
La luna dentro il secchio
che quando la vedi appena affacciare
la copri col coperchio del tuo cuore
ma se ti sporgi ad osservare
non c'è nessuna luce da guardare.
Muori ogni volta che osservi gli occhi spenti
muori giorno dopo giorno
ucciso dai lamenti
dai suoi tormenti senza sbocco
dal suo corpo che tocco
e so che CAZZO lui è la dentro
ma io non ho le chiavi
by Alfio Armando Licciardello